Vai al contenuto

Menu

Ghiaccio Homemade, come si realizza

A cura di Carmine Mattia Perciballi - 15 febbraio 2022

Viene definito ghiaccio cristallino quando l’acqua da cui deriva è priva di minerali. Quello più puro si forma in natura sulla superficie dei laghi, o quando prodotto con appositi ice maker con acqua filtrata, nel primo caso, la velocità di congelamento è talmente bassa da spingere fuori del cristallo tutte le impurità presenti nell’acqua, mentre se utilizziamo un congelatore, che ha un elevata velocità di raffreddamento, il ghiaccio risulterà essere opaco perché i minerali, i gas ed i batteri vengono imprigionati al centro del cristallo che si congela per ultimo rispetto ai lati che aderiscono al contenitore utilizzato.

Primo Metodo per realizzare il ghiaccio homemade:

Un metodo per fabbricare del ghiaccio cristallino utilizzando il congelatore di casa è innanzitutto scaldare l’acqua in modo da far uscire i gas presenti, farla poi raffreddare ed inserirla, per esempio, in una borsa termica oppure in un contenitore di polistirolo (foto 3) o in un contenitore frigo da mare, questo favorirà un congelamento molto lento. Tieni presente che è necessario lasciare la superficie del contenitore aperta in modo da far formare i cristalli di ghiaccio dall’alto verso il basso fino a raggiungere il fondo, è qui che il ghiaccio che si formerà dall’alto spinge le impurità. 

Secondo Metodo per realizzare il ghiaccio homemade:

Si può anche optare per una borsa di plastica alimentare riempita d’acqua e inserita in un contenitore le cui pareti sono state precedentemente foderate di materiate coibentante, tipo cartoni (foto 1) o polistirolo (foto 2), questo favorirà il congelamento molto lento dell’acqua, quanto più rallentiamo la cristallizzazione più il blocco di ghiaccio risulterà cristallino.

Ultimo Passaggio per realizzare il ghiaccio homemade:

Una volta pronto (foto 6), temperare il blocco lasciandolo a temperatura ambiente fino a che non sarà trasparente e cristallino poi tagliarlo a piacimento utilizzando diversi strumenti, come una sega o martello e scalpello o un  ice pick, un coltello con lama seghettata (foto 11), una mini motosega, io utilizzo una mia tecnica, un filo di acciaio con manici di materiale isolante alle estremità (per evitare scottature alle mani) che scaldo con un cannello a butano, in questo modo il taglio sarà sempre netto (foto 12).

Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 6
Foto 11
Foto 12